di F. Cartelli

Articoli di questo autore (99)

Silvio, ritirati a Paperopoli

 

“Dobbiamo andare in Europa a dire con forza che la Bce deve iniziare a stampare moneta”. In alternativa, “Cominciamo a stampare euro noi con la nostra Zecca”. No, non è una televendita Mondial Casa, bensì una “pazza idea” di Silvio Berlusconi, che neanche Patty Pravo riuscirebbe a mettere in musica. Questo è l’approdo finale della – mai avvenuta – rivoluzione liberale del ’94. Un leader stanco, sconnesso, che non riesce – e non vuole – staccare la spina al suo partito in caduta libera. Venerdì, all’assemblea dei gruppi del Popolo della Libertà, regala l’ennesimo scintillante annuncio, dopo che pochi giorni prima la boutade sul semipresidenzialismo in compagnia di Alfano era stata sostanzialmente salutata con uno sberleffo. Cerca attenzione, come un bambino capriccioso. Il problema è che ogni sua esternazione si traduce, ormai, in un’ulteriore ed immediata erosione di quel poco di consenso che rimane al Pdl. Ma proprio non resiste alla tentazione di esibirsi nell’eloquio senza freni come ai bei tempi andati, e lancia dunque il nuovo proclama, la nuova seduzione: stampiamo moneta, regaliamo i soldi agli italiani, e magicamente tutti i problemi si risolveranno. E magari festeggeremo con una cassa di Campari, qualche barzelletta di Martufello e spettacoli di nudo rigorosamente artistico.

E’ la solita lotteria per gli allocchi, ma i ricchi premi e cotillon non incantano più. E lascia perplessi il fatto che fra i pochi rimasti accanto al Cavaliere nella sua parabola discendente, non vi sia un coraggioso che gli dia il consiglio giusto. Ovvero, semplicemente: Silvio, perfavore, basta. Lascia perdere. I danni causati dal berlusconismo al centrodestra e all’Italia sono già incalcolabili. Non serve sprofondare ulteriormente nel ridicolo. Dopo aver abusato e distrutto per vent’anni due termini, liberale e liberista, così preziosi per ogni elettore che si riconosca nelle idee del conservatorismo occidentale, ora non trova di meglio che scimmiottare Grillo, divenuto per il Cavaliere il nuovo punto di riferimento nella comunicazione politica. Il problema è che le sue creature, Forza Italia prima, e il Popolo della Libertà poi, sono sempre stati soggetti attenti solo a “comunicare” con lo scopo del consenso immediato. Ma non hanno saputo concretizzare, costruire veramente una nuova Italia. E’ il fallimento del partito-azienda per Forza Italia, e il contemporaneo capolinea per il partito-macedonia, ovvero il Pdl, dove non è stato sufficiente mettere insieme i pezzi per creare una ricetta credibile e vincente. La vittoria – forse – del centrosinistra sarà per ko tecnico, più che per meriti reali.

Nella giornata di sabato è arrivata, puntuale, la smentita dell’ex Presidente del Consiglio, che definisce la sua proposta “solo una battuta detta con ironia e con il sorriso”. D’altronde, per un politico è proprio il periodo più adatto per battute e humor, soprattutto quando si parla di come salvare il Paese dal baratro che è ormai prossimo. A quanto pare, anzichè cercare di fare proposte serie, è meglio sbottare nei confronti di questo pubblico difficile che, invece di essere addomesticato ed applaudire come ai vecchi tempi, ora si permette di tirare pomodori.

Perciò Silvio, non è necessario che tu sia “l’allenatore”, tantomeno il “padre nobile” del centrodestra. E le riforme costituzionali di cui ha assolutamente bisogno l’Italia non potranno essere guidate da leader in decadenza che convocano conferenze stampa per fare cabaret e darsi qualche mese di vita politica in più. Prendi armi e bagagli, e trasferisciti a Paperopoli. E porta con te i vari Cicchitto, Santanchè, Brunetta, Gasparri, La Russa e tutti quelli che hanno ridotto in macerie il centrodestra. Lì starai bene. C’è il deposito di zio Paperone, dove potrai stampare tutta la moneta che vuoi. Minnie e Paperina sarebbero disponibili per qualche spettacolo di burlesque. Al fedele Pluto potresti dettare le tue memorie. E a proposito di politica monetaria, prova magari a riflettere seriamente su queste parole di Ludwig Von Mises: “É impossibile prendere seriamente le motivazioni avanzate a favore della svalutazione. Esse sono completamente confuse e contraddittorie. É stato il ripiego disperato di statisti deboli e inetti, che erano motivati dal desiderio di prolungare la loro permanenza in carica”.

  • GiovannaJacob

    “Nella giornata di sabato è arrivata, puntuale, la smentita dell’ex
    Presidente del Consiglio, che definisce la sua proposta “solo una
    battuta detta con ironia e con il sorriso”.

    PURTROPPO, IERI E’ ARRIVATA AI SOSTENITORI LA SMENTITA DELLA SMENTITA: BERLUSCA NON VUOLE CHE L’ITALIA STAMPIO DENARO, VUOLE CHE LO FACCIA LA BCE… COME SE CAMBIASSE QUALCHE COSA.

    COPIO-INCOLLO A FUTURA MEMORIA:

    ieri pomeriggio il presidente Berlusconi ha chiarito che dire che la
    Banca d’Italia stampi euro era una battuta paradossale e non una
    proposta. Precisazione inevitabile, stante le regole che governano la
    moneta unica europea.A scanso di equivoci tra noi (e delle
    strumentalizzazioni interessate altrui), dobbiamo essere consapevoli che
    la sostanza di quanto detto venerdì dal nostro presidente resta: 

    1. Berlusconi ha chiarito che l’euro è uno strumento non è il fine dell’Europa.

    2. Per questo il governo Monti, a fine mese, deve con vigore ottenere
    quanto chiesto lo scorso anno dal nostro governo e sostenuto da tutti
    gli economisti di buon senso: la Banca Centrale Europea sia la banca
    dell’Europa e dunque sia garante dei debiti pubblici dei Paesi dell’euro
    e, se necessario, stampi moneta.

    3. L’esempio del Giappone, che ha un debito pubblico doppio del
    nostro ma ha alle spalle una banca nazionale garante e per questo non è
    oggetto di attacchi speculativi è sotto gli occhi di tutti.

    4. Berlusconi ha chiarito che, qualora la signora Merkel continui a
    opporsi alle nostre richieste, due sono le soluzioni possibili: l’Italia
    esce dall’euro, ovviamente continuando a fare parte dell’Unione
    Europea; oppure la Germania esce dall’euro.

    5. L’Europa è stata costruita per garantire pace e sviluppo a tutti i popoli che ne fanno parte, non solo alla Germania.

    Questi sono i capisaldi del ragionamento fatto da Silvio Berlusconi
    venerdì. Questa è la linea sulla quale il Popolo della Libertà incalzerà
    il governo Monti. 

    LANCIO UN APPELLO ALLE PERSONE COMPETENTI IN ECONOMIA E CMMERCIO: PER FAVORE, SMONTATE UNA VOLTA PER TUTTA QUESTA FAVOLETTA RILANCIATA IN CONTINUAZIONE DAI KEYNESIANI SECONDO CUI IL GIAPPONE GODE DI OTTIMA SALUTE  COL SUO DEBITO DEL 220%? SE AI KEYESIANI DICI CHE IL GIAPPONE E IN STAGNAZIONE, TI RIDONO IN FACCIA: “CON QUELLA RICCHEZZA E QUEL REDDITO POSSONO PERMETTERSI DI NON CRESCERE PIU’”.  

    http://reginadigiove.wordpress.com/

    • http://thefielder.net/ The Fielder

      Ringraziamo per l’utile nota sulle dichiarazione del leader PDL. La memoria non deve essere corta.

      Per quanto riguarda il Giappone, The Fielder già da mesi continua a pubblicare notizie sull’andamento negativo della sua economia, definirla stagnazione è un eufemismo dato che milioni di dipendenti di multinazionali in fallimento, o in procinto di fallire, rischiano di rimanere disoccupati e di perdere la pensione.

Vetrina
fhhu-1280x768
Week-end alle Cinque Terre

Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore: un fine-settimana alle Cinque Terre è sicuramente adatto per godersi la primavera finalmente arrivata.

European Head of States Summit in Brussels
Elezioni europee, Conservatori: il rischio della disfatta

Alle elezioni europee del prossimo maggio, il Gruppo dei Conservatori e dei Riformisti Europei rischia un tracollo. Molto dipende dal partito di David Cameron.

10266875_645082335541002_1759548663_o
Manager pubblici, le nomine di Renzi non convincono

Le nomine dei manager pubblici non convincono. Non solo per la poca trasparenza, ma perché abbiamo già visto quanti disastri possa fare la politica in economia.

der-alte-und-neue-ministerpraesident-viktor-orban-nach-den-wahlen-in-budapest
Ungheria: vince Orbán, finto nemico dell’Europa che conta

Grazie a Viktor Orbán, l’Ungheria ha attirato l’attenzione degli osservatori stranieri. Ma Orbán è davvero un campione nella lotta contro i «poteri forti»?

Mario Draghi
La deflazione è davvero una minaccia?

Perché si parla tanto di deflazione e si mette in guardia dalla sua minaccia incombente? Perché è una minaccia per l’entità piú indebitata di tutte: lo Stato.

10173341_644432742272628_1209750220_n
Elezioni europee, Verdi: l’obiettivo è limitare i danni

Gli euroscettici sottrarranno voti a tutti gli schieramenti, ma i Verdi possono fare affidamento s’una diffusione quasi egemonica del pensiero ambientalista.

recent headlines  
Designed by Daniele Bertoli. Developed by Pixelperfect.